Curriculum

Curriculum di Teresa Crespellani

 

Teresa Crespellani si è laureata a Cagliari nel 1957 in Ingegneria Civile sott. Edile.

Nel 1963 è stata nominata assistente di ruolo di Scienza delle Costruzioni presso la Facoltà di Ingegneria di Cagliari.

In qualità di consulente esterno della Società Elettrica Sarda, ha eseguito con il Prof. Angelo Berio  i calcoli della Diga del Taloro e ha effettuato la sperimentazione su modelli della diga a piccola scala nel Laboratorio Strutture e Materiali dell’Università di Cagliari, seguendo la sperimentazione su grande modello presso il laboratorio ISMES di Bergamo e conducendo ricerche nel settore delle dighe e della dinamica delle strutture.

Con una borsa Fulbright, nel 1972 ha trascorso un periodo di studio al MIT di Cambrigde, U.S.A. svolgendo con il Prof. Robert Whitman una ricerca sulla interazione dinamica tra più edifici poggiati su semispazio elastico.

Dal 1970 al 1982 è stata professore incaricato del corso di Meccanica delle Terre e Fondazioni presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Cagliari e dal 1982 fino al 2004, in qualità di professore associato di Ingegneria Geotecnica, ha tenuto presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Firenze i corsi di Geotecnica II, di Complementi di Geotecnica e di Ingegneria Geotecnica Sismica. Dal 2004 al 2010 è stato professore a contratto di Ingegneria Geotecnica Sismica nella medesima Facoltà.

È autrice di oltre 200 pubblicazioni scientifiche su temi riguardanti principalmente l’applicazione di tecniche statistiche e probabilistiche allo studio geotecnico delle grandi aree, la Dinamica dei Terreni e l’Ingegneria Geotecnica Sismica. In particolare le sue ricerche analitiche e sperimentali hanno riguardato il comportamento  dei terreni in condizioni dinamiche e sismiche, gli  effetti di sito prodotti dai terremoti, la stabilità dei pendii naturali e artificiali prima, durante e dopo i terremoti, la liquefazione dei depositi,  gli spostamenti delle opere di ritenuta prodotti dai terremoti, i cedimenti delle fondazioni superficiali, l’interazione dinamica terreno-struttura, la microzonazione sismica, la normativa sismica.

È  stata  responsabile di progetti di ricerca nell’ambito del Progetto Geodinamica, del Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti, del Ministero per la Ricerca Scientifica e Tecnologica (poi MIUR), e ha svolto, in collaborazione con istituti specializzati nel settore sismico (Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti, Istituto per la Ricerca sul Rischio Sismico, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Dipartimento della Protezione Civile, ecc.) e con alcune amministrazioni regionali (Emilia-Romagna, Marche, Toscana, Umbria) un’intensa attività di ricerca applicata sul rischio sismico a scala regionale e comunale, che ha incluso prove sperimentali dinamiche in sito e in laboratorio per la caratterizzazione geotecnica a fini sismici di molti depositi italiani e numerose analisi numeriche avanzate per la valutazione degli effetti sismici locali.

E’ stata membro consulente di comitati tecnici regionali per la riduzione del rischio sismico (Comitato Tecnico Scientifico della Regione Emilia-Romagna, Comitato per la stesura di Indirizzi di Microzonazione in Emilia-Romagna della Protezione Civile, Comitato Tecnico Amministrativo del Provveditorato Interregionale OO. PP. Toscana-Umbria del Ministero delle Infrastrutture, ecc.).

Ha fatto parte per molti anni del collegio dei docenti del dottorato internazionale tra l’Università di Firenze e la Technical University Carolo-Wilhelmina di Braunschweig ed è stata tutore e co-tutore di numerose tesi di dottorato su temi di Ingegneria Geotecnica Sismica e Ambientale.

E’ stata rappresentante per l’Italia in alcuni Comitati scientifici internazionali per l’applicazione dell’Eurocodice 8 e per la regolamentazione degli Studi di Microzonazione della International Society of Soil Mechanics and Geotechnical Engineering (ISSMGE), dell’European Association of Earthquake Engineering (EAEE) e della European Seismological Society.